Dove siamo

Il nostro B&B si trova nella frazione di Fasano Sopra, comune di Gardone Riviera.

La posizione collinare ma centrale rende il luogo tranquillo e ideale per rilassarvi, restando comunque molto vicini ai principali luoghi di interesse della zona e dalle spiagge della riviera gardesana (per maggiori informazioni: Cosa Visitare)

Dista circa 30 km da Brescia e dall'Autostrada A4. 

In fondo alla pagina del nostro sito è disponibile una mappa satellitare precisa per ulteriori approfondimenti. 


Cenni storici

Fasano: affacciato una delle zone più belle del lago di Garda, per la sua incomparabile posizione, per la varietà e lo splendore della vegetazione determinate dalla mitezza del clima, Fasano è il luogo più adatto per trascorrere soggiorni culturali e naturalistici. Si trova circa a metà della riva occidentale del lago di Garda, nel Parco dell'Alto Garda Bresciano, nel cuore della zona definita "Il Giardino dell'Eden del Lago di Garda". Fasano è noto per la sua prossimità al Vittoriale, tuttavia l'antico borgo è da scoprire anche per le sue colline sovrastate da cipressi e ulivi, per le vallette, i giardini, le limonaie e le vecchie trattorie. È l'unico borgo che gli storici indicano esistente al tempo dei Romani. Notizie emergono anche fra il VII e il IX secolo, ai tempi della dominazione dei Longobardi. La storia di Fasano fu in seguito legata alle sorti di Salò e degli altri comuni della Riviera.

Gardone Riviera: di origini antiche, Gardone divenne importante centro durante il medioevo longobardo, quando fu eretta la possente rocca. Appartenne ad importanti famiglie della zona e fu continuamente contesa e sottomessa. Saccheggiata nel 1509 durante la guerra di Giulio II fra la lega di Cambrai e Venezia, si riunì in forza nel 1526 con i Comuni bresciani, costituendo la Magnifica Patria. I continui contrasti si placarono con l'unità d'Italia, e finalmente Gardone poté pensare ad uno sviluppo economico e turistico, grazie anche alla capacità manageriale di un ingegnere viennese, Ludwig Wimmer. Dal 1921 al 1938 Gabriele D'Annunzio elesse Gardone a propria ultima dimora, costruendovi l'incredibile cittadella-museo che chiamò "Il Vittoriale degli Italiani".